Trapiantato cuore fermo da 20 minuti

17:26 | | No Comment

Prima mondiale a Padova

(Adnkronos) – Un cuore fermo da 20 minuti è stato trapiantato con successo a Padova l’11 maggio, su un uomo di 45 anni. L’intervento è stato annunciato oggi dall’Azienda ospedale università della città veneta, la stessa dove quasi 38 anni fa – il 14 novembre 1985 – fu eseguito il primo trapianto di cuore nel nostro Paese. “E’ la prima volta al mondo che un cuore fermo viene riattivato e impiantato senza danni che possano pregiudicare il trapianto dopo un tempo così lungo – afferma il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, intervenuto alla presentazione dell’intervento – e questo apre frontiere impensabili rispetto al possibile utilizzo di organi da trapiantare”. Secondo gli esperti, questo risultato “potrebbe portare a un incremento del 30% nel numero dei trapianti in Italia”. 

“Ancora una volta è la sanità del Veneto a varcare una nuova frontiera della medicina – sottolinea il governatore – Da oggi la cardiochirurgia non sarà più come prima, perché si apre una prospettiva che può ridare speranza a tanti malati che attendono un trapianto di cuore. Lo dobbiamo, con gratitudine, all’intera Azienda ospedale università di Padova, al professor Gino Gerosa e alla sua équipe” della Cardiochiurgia dell’Aou “e al dottor Paolo Zanatta, direttore dell’Anestesia e Rianimazione del Ca’ Foncello” di Treviso, “che ha eseguito il prelievo dell’organo. Straordinari professionisti, ai quali vanno i nostri orgogliosi complimenti”. 

Quello dell”85 – il primo trapianto di cuore in Italia, donato dal giovane trevigiano Francesco Bunello, e impiantato nel petto del 40enne della provincia di Venezia Ilario Lazzari da Vincenzo Gallucci, alla cui memoria è intitolato il centro di Cardiochirurgia di Padova – fu “un momento storico” grazie al quale “si varcò una soglia fino a poco prima impensabile. Oggi la storia si ripete – rimarca Zaia – grazie a un grande allievo di Gallucci e ai progressi tecnologici e scientifici che si sono susseguiti da allora in quella stessa struttura padovana che non ha mai smesso di stare al passo con i tempi e spesso, come in questo caso ha saputo precorrerli”.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPECIALE ESTERI



SPECIALE SALUTE