Nuoto, nasce ‘categoria aperta’ per atleti transgender

20:46 | | No Comment

(Adnkronos) – Una ‘categoria aperta’ per gli atleti transgender nel nuoto. L’ente del governo mondiale del nuoto, la Fina, ha votato per vietare agli atleti che hanno attraversato la pubertà maschile di correre negli eventi femminili. Inoltre, la Fina ha deciso che istituirà un gruppo di lavoro con l’obiettivo di stabilire una categoria di competizione aperta, per gli atleti “indipendentemente dal loro sesso, sesso legale o identità di genere”. La nuova politica di inclusione di genere dello sport è stata approvata da oltre il 70% delle federazioni affiliate in un congresso straordinario durante i Campionati del Mondo in corso a Budapest. Il presidente della Fina Husain Al-Musallam ha dichiarato: “Dobbiamo proteggere i diritti dei nostri atleti a competere, ma dobbiamo anche proteggere l’equità competitiva nei nostri eventi, in particolare la categoria femminile alle competizioni Fina”. 

Il documento programmatico di 34 pagine della Fina chiarisce che gli atleti transgender da maschio a femmina sono ancora idonei a competere nella categoria femminile “a condizione che non abbiano sperimentato alcuna parte della pubertà maschile oltre il Tanner Stage 2 (che segna l’inizio dello sviluppo fisico), oppure prima dei 12 anni, a seconda dell’età successiva”.  

La mossa significa che Lia Thomas, che a marzo è diventata la prima nuotatrice transgender a vincere un importante titolo di college nazionale statunitense, non sarà idonea a competere nella categoria femminile con effetto immediato. L’annuncio della Fina arriva due settimane dopo che l’organo di governo del ciclismo, l’Uci, ha votato per raddoppiare il periodo di tempo prima che un corridore che passa da maschio a femmina possa competere. 

La Fina ha anche chiarito che gli atleti transgender da donna a uomo potranno competere nelle categorie maschili, ma negli sport di tuffo alto e pallanuoto dovranno presentare un modulo di “assunzione di rischio” e si consiglia di chiedere consiglio sulla loro capacità fisica. Al-Musallam ha aggiunto: “La Fina accoglierà sempre ogni atleta. La creazione di una categoria aperta significherà che tutti avranno l’opportunità di competere a livello d’élite. Non è stato fatto prima, quindi la Fina dovrà aprire la strada. Voglio che tutti gli atleti si sentano coinvolti nella possibilità di sviluppare idee durante questo processo”. 

Oltre 300 nuotatori statunitensi e olimpici hanno firmato una lettera a sostegno di Thomas a marzo, ma altri atleti e organizzazioni hanno espresso preoccupazione per ciò che vedono come i progressi fisici delle atlete transgender che gareggiano negli eventi femminili. La Fina ha confermato che la politica entrerà in vigore lunedì e ha affermato che inizierà immediatamente a lavorare per stabilire eventi nella sua categoria “aperta” appena avviata. In una dichiarazione si legge: “Gli atleti che non soddisfano i criteri applicabili per la categoria maschile o femminile possono competere in qualsiasi evento aperto che la Fina potrebbe sviluppare in futuro. La Fina inizierà a lavorare dopo la promulgazione finale di questa Politica per determinare la fattibilità di istituire una categoria aperta nelle discipline sportive acquatiche, in cui un atleta che soddisfi i criteri di ammissibilità per quell’evento possa competere indipendentemente dal proprio sesso, genere legale o la loro identità di genere”.