Vaiolo scimmie, salgono a 6 i casi allo Spallanzani

10:51 | | No Comment

“Ho avuto notizia di un sesto caso di vaiolo delle scimmie preso in carico dall’Istituto Spallanzani” di Roma “con un link di ritorno dalle Canarie. Attualmente sono 4 i ricoverati, tutti in buone condizioni cliniche. Uno è seguito a domicilio. L’altro è il caso toscano”. Lo riferisce in una nota l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Prosegue l’indagine epidemiologica. Nessun allarme – sottolinea – ma il sistema di sorveglianza infettivologica è in stato di massima attenzione”.

Vaiolo scimmie, Galli: “Vaccinazione non giustificata da dati”

Un programma di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie? “Non credo che si debba arrivare a tanto, allo stato attuale dei fatti”. Lo ribadisce Massimo Galli, già direttore del reparto di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, a ‘Buongiorno’ su Sky Tg24. Interrogato sul tema dopo che anche la Francia ha annunciato una strategia di immunizzazione per contatti a rischio e sanitari, l’infettivologo spiega di voler “una volta tanto dare un messaggio ottimistico. Ma non sulla base delle mie semplici sensazioni, bensì considerando di che cosa stiamo parlando”. L’esperto ritiene che i rapporti tra benefici e costi dell’utilizzo di un vaccino anti-vaiolo, “in questo momento e per questo virus, siano molto aleatori. Non da non tali da spingere per ora a una scelta di questo genere”.

“Stiamo parlando di un virus a Dna, un orthopoxvirus – ricorda Galli – che come tale cambia molto meno rispetto a quello che fa un virus a Rna” come Sars-CoV-2. Inoltre il ‘monkeypox’ “ha delle modalità di diffusione certo importanti, ma non tali da metterci nella condizione di pensare a breve termine a un’epidemia diffusa in maniera generalizzata. Certo non bisogna prendere la cosa sottogamba e bisogna considerarla bene”, precisa lo specialista. “Quello che va fatto – spiega – è una buona, sana, vecchia operazione di contenimento epidemiologico, nella speranza che ciò che ci avrebbe dovuto insegnare la pandemia” di Covid “sia utile per poter fare questa volta, avendone il tempo e le modalità, un’azione di contenimento. Ricordiamoci – aggiunge Galli – che siamo di fronte a una malattia che ha una letalità molto bassa, almeno in Occidente”.

Vaiolo scimmie, in Francia vaccino a contatti a rischio

In Francia l’Autorità nazionale per la salute (Has) ha annunciato una strategia di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie, dopo che tre casi di infezione sono stati rilevati nel Paese. Il programma di immunizzazione è rivolto agli adulti a rischio di esposizione al virus del ‘monkeypox’, compresi gli operatori sanitari.

Si raccomanda di somministrare solo vaccino di terza generazione, nei 4 giorni successivi al contatto a rischio, fino a un massimo di 14 giorni. Lo schema vaccinale prevede due dosi o tre per i pazienti immunocompromessi, somministrate a distanza di 28 giorni l’una dall’altra. La Has ha spiegato che le raccomandazioni sulla vaccinazione verranno adattate ai dati epidemiologici e clinici che progressivamente si renderanno disponibili.

L’agenzia ha inoltre sottolineato l’importanza di disporre di un sistema di monitoraggio e segnalazione dei casi di vaiolo delle scimmie, di informazioni più precise sulla trasmissione da parte dei contagiati identificati, di dati sull’efficacia del vaccino di terza generazione e di una dose di rischiamo per le persone vaccinate nell’infanzia contro il vaiolo umano. In Francia la vaccinazione antivaiolosa è rimasta obbligatoria fino al 1979.

Vaiolo delle scimmie, casi Uk salgono a 71

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (Ukhsa) ha rilevato altri 14 casi di vaiolo delle scimmie in Inghilterra, che portano a 70 il totale delle infezioni confermate dal 7 maggio. In Uk i casi passano complessivamente a 71, dopo che le autorità sanitarie della Scozia hanno accertato un primo caso di ‘monkeypox’. Al 23 maggio, nessuna infezione è stata identificata in Galles o Irlanda del Nord.

Ieri l’Ukhsa aveva reso noto che nel Regno Unito “è in corso la vaccinazione dei contatti ad alto rischio”. “Fino alle 10 del 23 maggio, oltre 1.000 dosi di” vaccino anti-vaiolo “Imvanex sono state fornite, o stanno per esserlo, alle strutture del Servizio sanitario nazionale. Nel Regno Unito – si legge – rimangono oltre 3.500 dosi di Imvanex”.

Adnkronos