Aiuto, corridoi umanitari e dialogo

11:10 | | No Comment

Fornire assistenza materiale e spirituale a chi fugge dalla guerra. L’impegno del nuovo gruppo di lavoro formato da organizzazioni di ispirazione cattolica. Il Segretario Generale della Commissione Cattolica Internazionale per le Migrazioni: rispondiamo ai bisogni di base degli ucraini, ma senza dimenticare le sofferenze di altri conflitti.

Per ben 33 volte, tra il 27 febbraio ed il 23 aprile, il Papa ha lanciato appelli pubblici per richiamare l’attenzione sulla tragica situazione in Ucraina, sulla necessità di fornire assistenza umanitaria e cura spirituale a chiunque ne venga colpito. È stato monsignor Robert Vitillo, Segretario Generale della Commissione Cattolica Internazionale per le Migrazioni (Icmc) a sottolinearlo, parlando a Roma, lo scorso 29 aprile, nel corso del Convegno “Solidarietà e cooperazione europea per i profughi dalla guerra in Ucraina”, dedicato a quella che è stata definita “la più grande migrazioni europea dalla Seconda guerra mondiale”: gli 8 milioni di rifugiati del conflitto, metà dei quali bambini. Oltre alla solidarietà e all’unità, è stato il messaggio uscito dal Seminario, servono finanziamenti, per l’accoglienza, ma anche per l’istruzione, il lavoro, gli alloggi e l’integrazione.

Il lavoro della Chiesa

Vitillo ha quindi informato degli sforzi condotti dalla Chiesa cattolica, a tutti i livelli, per rispondere ai bisogni degli sfollati interni, dei vulnerabili e dei rifugiati. “Non ci si deve focalizzare solamente sull’aiuto umanitario dell’immediato – spiega a Vatican News il Segretario generale dell’Icmc – dobbiamo continuare il dialogo e anche perseguire la possibilità di attivare corridoi umanitari per le persone che sono ancora bloccate in qualche città, per dare loro un posto sicuro, ma sempre con la speranza di poter rientrare a casa”.

Monsignor Robert Vitillo

Monsignor Robert Vitillo

La risposta cattolica per l’Ucraina

All’inizio di marzo, organizzazioni umanitarie e pastorali di ispirazione cattolica si sono incontrate  per condividere i risultati e le azioni già intraprese durante i primi giorni del conflitto. E’ nato così il gruppo di lavoro dal titolo La risposta cattolica per l’Ucraina”. “La nostra organizzazione – prosegue Vitillo – sta coordinando un gruppo di lavoro formato dalle Caritas, dai Servizi dei Gesuiti per i Rifugiati, dal Sovrano Ordine di Malta, certamente non per prendere il posto dell’uno o dell’altro, ma per esaminare i bisogni che non sono coperti e per pianificare poi la risposta”. Si uniscono quidi gli sforzi per alleviare le sofferenze delle persone, sia per rispondere ai bisogni vitali di base: dall’alloggio, alle cure mediche, all’istruzione, sia per fornire protezione e accompagnamento con un sostegno di salute mentale, psicosociale e pastorale. L’impegno a rispondere ai bisogni attuali del popolo ucraino, è la garanzia del gruppo di lavoro, non rischia di far trascurare o dimuire le risposte alle sofferenze umane causate da altri conflitti, guerre, persecuzioni e violenze in tutto il mondo, specialmente quelle che sono state dimenticate dai media, da molti governi e dalla società civile a livello globale.

Francesca Sabatinelli e Thaddeus Jones – Città del Vaticano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.