“Pedalare, correre, nuotare per viaggiare” ma senza GIOIA

16:26 | | No Comment

Non c’è Gioia nel progetto chiamato “Pedalare, correre, nuotare per viaggiare” sottoscritto, insieme alla Federazione ciclistica italiana, da 26 Comuni della Puglia, da nord a sud della regione, di tutte le province, nato per fare squadra in una strategia di valorizzazione del territorio investendo, e non poco, sulla bike economy e sulla mobilità sostenibile. Non (solo) una dichiarazione di intenti, ma una proposta concreta di promozione del territorio attraverso lo sport che coniughi insieme turismo, crescita economica, passione per bici, corsa, nuoto e ogni disciplina sportiva.

I Comuni coinvolti sono: Alberobello, Andria, Bari, Bitonto, Castellana Grotte, Castellaneta, Ceglie Messapica, Conversano, Fasano. Gallipoli, Ginosa, Giovinazzo, Laterza, Lecce, Locorotondo, Mattinata, Mola di Bari, Monopoli, Monteroni di Lecce, Monte S. Angelo, Noci, Polignano a Mare, Putignano, Rutigliano, Turi, Vieste.

Il protocollo è stato firmato ufficialmente sabato 27 novembre a Mattinata (FG), cittadina che in questo weekend è stato protagonista del grande ciclismo come quinta tappa del campionato italiano di ciclocross.  Obiettivo del protocollo promuovere la realizzazione di manifestazioni sportive a livello nazionale e internazionale, quali elementi coinvolgenti e trainanti di un turismo ciclistico e di turismo legato alle manifestazioni sportive delle Federazioni coinvolte che si protraggano per tutto l’anno in linea anche con le politiche strategiche del turismo della Regione Puglia.

LE INIZIATIVE

Saranno programmati raduni, meeting e stages di rappresentative nazionali e di squadre di alto livello agonistico con testimonial internazionali in strutture alberghiere convenzionate tramite la Regione Puglia, per promuovere i vari territori attraverso adeguata comunicazione mediatica. L’intento è potenziare una più stretta correlazione tra più territori per l’individuazione di percorsi atti al turismo ciclo-sportivo. I Comuni si impegnano inoltre ad attuare politiche di valorizzazione delle strutture turistico-ricettive, enogastronomico, artistico e culturale, con il supporto e la collaborazione della Regione Puglia, della Città Metropolitana di Bari e delle Province di Bat, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto, di Costa dei Trulli, dei SAC, delle Pro Loco e delle associazioni socio-culturali del territorio.

VERSO L’ASSOCIAZIONISMO SPORTIVO DIFFUSO

E ancora: predisporre campagne e progetti che utilizzino il carattere trasversale dell’attività ciclistica e il suo valore sociale, che coinvolgano altri settori dell’amministrazione, oltre l’assessorato allo Sport, per affermare nuovi stili di vita attiva per i cittadini; valorizzare le esperienze di educazione alla cittadinanza attiva dell’Associazionismo sportivo diffuso; programmare progetti per l’attività motoria al fine di migliorare il benessere fisico e sociale delle proprie comunità, attivare progetti di animazione sportiva come elemento di vivibilità e animazione degli spazi urbani, affermare la particolare vocazione dei territori dei Comuni interessati, ritenuta come ottimale per la pratica della disciplina sportiva legata al mondo delle due ruote in bicicletta, al mondo dello sport di base e all’aria aperta, promuovendo la possibilità di far conoscere i luoghi delle regione e in particolari dei territori legati ai comuni partecipanti, per valorizzare le potenzialità e le offerte di accoglienza e soggiorno proposte. Sappiamo che c’è tanto da pedalare, che il percorso è duro, ma quando si lavora in rete le difficoltà diventano passione comune poter accogliere in Puglia quote di mercato sempre più importanti di bike economy e di turismo esperienziale legato alle pratiche di discipline sportive all’aria aperta”.

[ambienteambienti]