Giovane motociclista 21enne perde la vita in incidente

21:08 | | No Comment

Nel pomeriggio di martedì 24 agosto, intorno alle 18.30 un giovane gioiese, Anthony Gemmati di 21 anni ha perso la vita mentre era alla guida della sua moto di grossa cilindrata in un incidente stradale avvenuto in via Putignano, all’altezza di un emporio commerciale, a poche centinaia di metri da Gioia.

Non si hanno notizie sulla dinamica dell’incidente, avvenuto per altro alle porte della città. Parrebbe che un’auto, una Punto blu guidata da una gioiese abbia investito la moto e che i sanitari del 118 non abbiano potuto far nulla per salvare il ragazzo.

La signora alla guida della Punto a seguito delle ferite riportate è stata ricoverata in codice giallo al Miulli.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118 sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Radio Mobile di Gioia del Colle, la Polstrada di Gioia i Volontari della Protezione Civile del Comune di Gioia e quelli di Gioia Soccorso. La Strada e stata chiusa al traffico fin quando i CC hanno terminato le misure planimetriche e fatto rimuovere i mezzi coinvolti.

——————–

Il sindaco Giovanni Mastrangelo ed il vicesindaco Giuseppe Gallo, sconvolti dalla tragedia, si sono recati sul luogo dell’incidente.

“Il dolore più grande che la vita possa riservare ad un genitore – ha dichiarato sul suo profilo face book il sindaco – è la perdita di un figlio. Quando ciò accade non ci sono parole capaci di alleviare il dolore per la perdita subita. Forse un pensiero di cordoglio, una preghiera oppure il semplice silenzio possono, solo in piccola parte, aiutare chi oggi piange una persona cara.”

“Mentre assisti sgomento ed impotente dinanzi alla fragilità umana, rifletti su quante volte la gioia di vivere sia un dono prezioso da preservare ogni singolo giorno. Spero che chi ti ha amato in questa vita trovi la forza per superare questo immenso dolore.”

Immenso il dolore che ha straziato la famiglia ed il cordoglio di amici e docenti che increduli hanno appreso della scomparsa.

Del giovane resta il ricordo di “un sorriso smagliante e una sensibilità senza limiti…”, i suoi docenti del Liceo Scientifico “R. Canudo” ricordano l’impegno nell’organizzare “Il treno della memoria” e la grande disponibilità nei confronti degli altri studenti.